Calendario

SRSP

Calendario

ANNO ACCADEMICO 2017/2018

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DELLA SCUOLA

Il corso di quest'anno porta il titolo di:

QUALI LEGAMI?

L'AMORE, LA FAMIGLIA, LA SOCIETÀ

PAROLA ALLA PSICANALISI

I docenti articoleranno il tema con modalità diverse a seconda del loro orientamento formativo e clinico, le lezioni si svolgono di sabato dalle ore 10.00 alle ore 18.00.

Le date sono le seguenti:


14/10/17 ELISA POLI

04/11/17 ELISA POLI

25/11/17 GIANLUCA DELMASTRO

16/12/17 PIETRO ANDUJAR

13/01/18 PIETRO ANDUJAR

03/02/18 BENEDETTO SACCHETTI

24/02/18 MARIO MATTIODA

17/03/18 ALESSANDRA GUERRA

07/04/18 ROBERT LEVY

28/04/18 SILVIE SESé - LEGéR


Previsto coffee break e pranzo a carico degli allievi a prezzo agevolato da consumare all'interno della struttura che ospita il corso.


ANNO ACCADEMICO 2016/2017

ORGANIZZAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO DELLA SCUOLA

Il Corso Fondamentale è a cadenza quindicinale di due ore e si svolge dalle 15 alle 17 e tenuto da un docente che lo articolerà per 4 incontri consecutivi.

Il Corso Integrativo è anch'esso a cadenza quindicinale e segue il Corso Fondamentale dalle 17 alle 19 coordinato dai tutor che vorranno candidarsi e che presumibilmente rimarranno tali per tutto l'anno accademico (ottobre-giugno)

Le date sono le seguenti:

ottobre 1 - 15
novembre 5 - 19
dicembre 3 - 17
gennaio 14 - 28
febbraio 11 - 25
marzo 11 - 25
aprile 8 - 22
maggio 6 - 20
Giugno 3 - 17

La data del 1 ottobre 2016 è riservata per accogliere gli interessati alla formazione nella Scuola, per iscriverli, per illustrare le modalità dello svolgimento del lavoro, per fornire il materiale che potrà essere previsto dai docenti e dai tutor e per organizzare i laboratori di studio qualora siano già attivabili.


A partire dal 15 ottobre 2016 i corsi si terranno presso il sito di Via Francesco Millio 42, Torino


CORSI

OTTOBRE 2016

01/10/2016

ROSSELLA GIACOMETTI

ACCOGLIENZA - ISCRIZIONE - PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEI CORSI - CONSEGNA DEL MATERIALE DI STUDIO - ORGANIZZAZIONE DEI GRUPPI DI LAVORO

La necessità della formazione nell'epoca della globalizzazione

Per sapere come si è svolta la giornata, curiosa nel DIARIO degli INCONTRI

pagina Facebook dell'evento


15/10/2016
dalle 15 alle 17
2 h

PIETRO ANDUJAR


In questa prima lezione si definirà cos'è una teoria in senso compiuto e in che senso la psicanalisi abbia formulato, a partire da Freud una teoria.

La possibilità di teorizzare implica l'osservazione, nel senso etimologico del termine. Ciò presume un corpo percettivo che, nella sua complessità strutturale, elabora quei costrutti che chiamiamo pensieri.
In queste lezioni si cercherà di evidenziare alcune vie di costruzione che la psicanalisi ha intrapreso allo scopo di formulare un proprio fondamento teorico. I riferimenti alla fenomenologia, all'empirismo e alla metafisica sono tratti culturali inevitabili, da non confondere, però, con gli oggetti della psicanalisi.

Pagina Facebook dell'evento


15/10/2016
dalle 15 alle 17
2 h

PIETRO ANDUJAR

La possibilità di teorizzare implica l'osservazione, nel senso etimologico del termine. Ciò presume un corpo percettivo che, nella sua complessità strutturale, elabora quei costrutti che chiamiamo pensieri. In queste lezioni si cercherà di evidenziare alcune vie di costruzione che la psicanalisi ha intrapreso allo scopo di formulare un proprio fondamento teorico. I riferimenti alla fenomenologia, all'empirismo e alla metafisica sono tratti culturali inevitabili, da non confondere, però, con gli oggetti della psicanalisi.


dalle 17 alle 19
2 h

PIETRO ANDUJAR

Le due topiche freudiane:

1. inconscio, preconscio e conscio

2. Io, Es, Super-io

Lo stadio dello specchio come formatore della funzione dell'io: un accesso alla psicanalisi attraverso l'immagine e il cinema.

La terza topica, di Lacan: Reale, Simbolico, Immaginario

Il transfert come condizione di svolgimento di ciò che chiamiamo psicanalisi.

Cosa si intende per clinica in psicanalisi?

Non ci si rifà tanto all'essere adagiati sul letto a causa di stati di malessere che richiedono una guarigione dall'accesso morboso, quanto invece al potersi distendere, in uno stato di relativa quiete e abbandono, per poter avviare una declinazione del proprio modo d'essere. La posizione passiva e la posizione attiva nell'evoluzione della tecnica psicanalitica: dal paziente all'analizzante. Se ne porteranno alcuni esempi che possano illustrare le variazioni e le declinazioni che avvengono nel corso di un'analisi.



NOVEMBRE 2016

05/11/2016
dalle 15 alle 17
2 h

GIOVANNI SIAS

Da Edipo a Mosè: alfa e omèga dell'esperienza della psicanalisi.
Il piano sapienziale di ogni esperienza psicanalitica introduce a una cultura "scientifica" in cui le possibilità dell'Io rispondono a una logica elaborata a livello di una "geografia" della psyché che rende conto delle autentiche possibilità umane di "abitare" il mondo. Inoltre, intreccia le due vie della cultura occidentale, quella greca e quella ebraica, radici in cui ogni esperienza concreta del vivere trova la sua possibile dimensione di esistenza.




dalle 17 alle 19
2 h

GIOVANNI SIAS

I modelli della topologia freudiana e lacaniana.

L'esplorazione freudiana della coscienza, attraverso il senso che acquisiscono nell'esperienza del vivere i termini di inconscio, preconscio e di Io, Es e SuperIo. L'inconscio lacaniano e la sua importanza nella clinica.


19/11/2016

dalle 15 alle 19
4 h

PIETRO ANDUJAR

Cos'è la tecnica psicanalitica?

Creazione delle condizioni che permettono un accesso alla dimensione inconscia, ovvero l'esistenza del non sapere come condizione dell'essere.: il sogno, la libera associazione, l'atto mancato. I modi di formulazione della domanda psicanalitica. I contributi che derivano dalle teorie psicanalitiche di Freud, Klein, Winnicott, Bion, e Lacan portano a una grande variabilità delle tecniche psicanalitiche. Alcuni esempi di trattamento con bambini, con adolescenti, con sofferenze di anoressia grave, con deliri paranoici, con sofferenze melanconiche intense.


DICEMBRE 2016

03/12/2016
dalle 15 alle 19
4 h

GIOVANNI SIAS

Figure della clinica psicanalitica.

Figure retoriche attraverso cui si compie e trovano espressione le diverse forme del vivere, e in cui la retorica, nei modelli della retorica classica, diventa forma del discorso in cui le modalità concrete e materiale di esistenza trovano nel linguaggio la loro possibile espressione e attuazione.



17/12/2016

dalle 15 alle 19

4 h

ETTORE PERRELLA

La psicanalisi è nata in relazione alla scienza, ma senza potervisi integrare. La pratica freudiana allora è o non è una scienza? Per rispondere a questa domanda, alla quale gli epistemologi hanno di solito risposto in maniera negativa, è necessario precisare sia che cosa significa il termine «psicanalisi», sia che significato si dà al termine «scienza». Solo impostando il problema in questo modo il dibattito sulla scientificità della psicanalisi può risultare utile anche per la scienza in generale


GENNAIO 2017

14/01/2017

dalle 14.30 alle 18.00
3 h 1/2

ETTORE PERRELLA

L'epistemologia occidentale ha di solito concepito la scienza in termini aristotelici, mettendo in relazione i concetti con le cose, ma trascurando gli atti. Proprio per questo l'etica della ricerca scientifica è stata di solito abbandonata alle approssimazioni confessionali, o peggio alla retorica dei buoni sentimenti. A partire dall'etica della psicanalisi, e recuperando il senso della grande tradizione platonica, è possibile invece recuperare l'atto in una epistemologia triadica, in grado di mostrare sia qual è la scientificità della psicanalisi, sia qual è anche la portata etica della scienza in quanto tale.

L'incontro si svolgerà con una modalità nuova e più interattiva che vi vede protagonisti in prima persona: l'incontro della giornata infatti si svolgerà a partire dalle domande e dalle riflessioni formulate dagli allievi sul testo:

-Etica ed epistemologia della psicoanalisi. Un'introduzione - Ettore Perrella. Quindi leggete, pensate e domandate.

L'incontro si svolgerà dalle ore 14.30 alle ore 18.00 (invece che dalle ore 15.00 alle ore 19.00), nella sede consueta di via Millio 42 a Torino, raccomandiamo puntualità


28/01/2017
dalle 15 alle 19
4 h

ALESSANDRA GUERRA


Storia della psicanalisi in Francia dal 1945 al 1964

1) La rifondazione della SPP dopo la seconda guerra mondiale
2) La prima "esclusione" di Lacan e la fondazione della SFP
3) Fondazione dell'Ecole Lacanienne

Storia della psicanalisi in Francia dal 1966 al 1981
1
) Prima scissione dell'Ecole Freudienne
2) Morte di Lacan
3) Fondazione di numerose associazioni di psicanalisi

FEBBRAIO 2017

11/02/2017

dalle 15 alle 19

4 h

ROBERT LÉVY


Presentazione del libro
"L'INFANTILE IN PSICANALISI, LA COSTRUZIONE DEL SINTOMO NEL BAMBINO"

SRSP ha l'onore di ospitare Robert Lévy, direttore di un Centro Medico Psico-Pedagogico e ricercatore associato presso il Laboratorio di Psicanalisi e Psicopatologia Clinica dell'Università de Provence Aix-Marseille, co-fondatore dell'Associazione Analyse Freudienne.


25/02/2017

dalle 15 alle 19

4 h

MARIO MATTIODA

CINEMA E PSICANALISI - STUDIO PROPEDEUTICO
Titolo: Lettura freudiana di "Shining"

Proiezione film "Shining" di Stanley Kubrick (durata 115 minuti)

Pomeriggio PopCorn con SRSP previsto il 18/02/2017, siete tutti invitati. Vai alla pagina Facebook dell'evento.

Agli allievi è richiesto nella settimana precedente alla lezione:

1. di vedere "Shining"
2. di leggere di S. Freud:

a) un breve estratto del caso clinico "L'Uomo dei Lupi" (1914) 1918 (fornito dalla Segreteria della Scuola)

b) il breve saggio "Il Perturbante" 1919 (fornito dalla Segreteria della Scuola)

c) "Materiale fiabesco dei sogni" 1913 (fornito dalla Segreteria della Scuola)

Agli allievi è richiesto durante la lezione:

3. di interpretare, insieme con il docente, il film (proiettato per sequenze), individuando teorie e concetti presenti nell'Uomo dei Lupi e nel Perturbante e, più in generale, nel pensiero di Freud.


MARZO 2017

11/03/2017

dalle 15 alle 19
4 h

MARIO MATTIODA

CINEMA/BALLETTO E PSICANALISI -VISIONE ED ANALISI DI UN FILM E DI UN BALLETTO

L'appuntamento di sabato 11 marzo e' reinviato a causa dell'impossibilità del relatore a partecipare. L'incontro è reinviato al termine dell'intero corso in data  1/7/2017.Ci scusiamo per il disagio. Le lezioni proseguiranno regolarmente con l'incontro di sabato 25/3. 


25/03/2017
dalle 15 alle 19
4 h

ANGELO CONFORTI

FILOSOFIA E PSICANALISI - STUDIO PROPEDEUTICO

Titolo: I fondamenti filosofici della psicoanalisi.

Lettura e interpretazione, guidata da parte del docente, di testi del pensiero antico e umanistico-rinascimentale (di Platone, Plotino, Marsilio Ficino, Giordano Bruno).
Il materiale didattico sarà fornito anticipatamente agli allievi.


APRILE 2017

08/04/2017

dalle 15 alle 19
4 h

ANGELO CONFORTI

FILOSOFIA E PSICANALISI - LETTURE ED ANALISI DI BRANI FILOSOFICI TRATTI DA OPERE

Titolo: I fondamenti filosofici della psicoanalisi.

Lettura e interpretazione autonoma da parte degli allievi (discussa e riformulata con l'ausilio del docente) di testi del pensiero moderno (di Descartes, Hobbes, Spinoza, Leibniz, Fichte, Schelling, Schopenhauer, Nietzsche).
Il materiale didattico sarà fornito anticipatamente agli allievi.



22/04/2017

dalle 15 alle 19

4 h

GABRIELE LODARI

In quale modo trattare i sogni che vengono portati in analisi?


Le lezioni del corso integrativo saranno dedicate all'indagine sui sogni.

Il riferimento principale è all'opera di Freud di cui si ripercorrano alcuni passi significativi dell'opera maggiore "L'interpretazione dei sogni", e altri scritti minori. Sono anche previsti riferimenti più recenti ad altri autori, in particolare alle innovazioni apportate da Jacques Lacan, allievo di Freud, con citazione varie dai Seminari editi da Einaudi.

E' previsto inoltre un laboratorio "Raccontare i sogni" con la partecipazione attiva di ciascun studente e un invito all'esposizione orale e scritta dei propri sogni, seguita dal commento del conduttore.

La finalità del corso è quella di trasmettere alcuni principi fondamentali che possono servire da guida all'interpretazione corretta nella clinica e suscitare in ciascun allievo un rinnovato interesse per la psicoanalisi.

Programma:

Le prime due ore saranno dedicate alla lettura e al commento dei testi freudiani sul sogno.

Le successive due ore saranno dedicate al dibattito e invitando i partecipanti all'esposizione orale dei loro sogni, in particolare evidenziando l'importanza clinica essenziale del raccontare, rispetto a quella dell'interpretare in base a una supposta codificazione già esistente.


MAGGIO 2017

20/05/2017
dalle 15 alle 19
4 h

GIANLUCA DELMASTRO

LA PRATICA PSICANALITICA E LA PRATICA SPORTIVA

La pratica richiama la téchne greca, e i portatori di téchne, gli artigiani, indispensabili ma tenuti in disparte, ai margini, nelle periferie della Polis, dove invece atleti e ginnasti erano considerati virtuosi, anche perché non assoldati nelle loro pratiche. Mal visti erano gli artigiani e sofisti, perché si facevano pagare.

L'indagine che andremo ad effettuare riguarderà elementi, dinamiche, relazioni che si evidenziano, che affiorano in quelle che vengono chiamate pratiche, così come la psicanalisi o come una disciplina sportiva.

Possono essere due compartimenti stagni la pratica e la teoria?

Ci sono danzatori che praticano la danza e che dicono che attraverso il corpo stanno indagando, sperimentando, esplorando.

Per alcuni il dispositivo dell'analisi giunge a compimento solo se spinge a teorizzare.

Come intendere l'analisi come dispositivo pragmatico tra la pratica e la teoria?

- IL DIVERTIMENTO, L'AVVENTURA, IL VIAGGIO
Il divertimento, il divertere, l'andare oltre, l'andare altrove.
Se in questo procedere non è tolta l'avventura di ostacoli vissuti come occasioni, come opportunità che vengono incontro, ecco che il viaggio, il viatico, la via proseguono a tracciarsi, a scriversi. Ecco l'avvento, ecco la vita che si scrive. Ecco allora il divertimento, la leggerezza, la soddisfazione, l'ironia e il riso.

- L'IMPRESA E LA VITTORIA
Già Freud diceva che solo i nevrotici cercano un senso alla vita. Un percorso d'analisi, passando attraverso il transfert e la nevrosi da transfert, provoca all'impresa, ad una vita intraprendente dove le iniziative giungono a compimento perché non finiscono: questa la vittoria.
In questo itinerario sono contemplate le soddisfazioni, i programmi, i progetti, non gli obiettivi.
Per l'impresa e la vittoria non necessità l'obiettività, il volontarismo, il calcolo, il risparmio. Piuttosto occorrono le virtù del fare, l'ingenuità, l'audacia, l'incoscienza.

Dal 27 maggio 2017 le lezioni si terranno presso lo Studio di Via Vittorio Amedeo 11, Torino.


27/05/2017
dalle 15 alle 19
4 h

GABRIELE LODARI

Le prime due ore saranno dedicate alle citazioni da testi di Jacques Lacan, oltre che alle citazioni da testi di altri autori, compresi i letterati, filosofi, e scienziati. Riferimenti saranno anche fatti al Seminario da me condotto quest'anno, interamente dedicato al sogno e in attesa di pubblicazione. Le ore successive saranno dedicate alle risposte alle domande degli allievi invitandoli a raccontare i proprio sogni.


Per motivi organizzativi i lavori di quest'anno devono concludersi precocemente.

Non si svolgeranno quindi gli incontri di sabato 10/6, protagonista Gianluca Del Mastro, di sabato 17/6 protagonista Elisa Poli e di sabato 1/7 con Mario Mattioda.


Questi incontri sono rimandati ai lavori del nuovo anno.SRSP vi ringrazia per la calda ed attenta partecipazione di quest'anno, sperando che sia piaciuto a voi quanto è piaciuto a noi.

A breve sarete tutti informati sui lavori in programma per l'anno a venire.Sperando di rincontravi tutti a settembre vi auguriamo buona estate.

INCONTRO ANNULLATO

GIUGNO 2017

10/06/2017
dalle 15 alle 19
4 h

GIANLUCA DELMASTRO

IL MAESTRO E L'ALLIEVO
Come intendere il parricidio?
Come sbarazzarsi dei padri, dei maestri, ma innanzitutto come togliersi da una dicotomia sociale, intersoggettiva, da un gioco di ruoli, da una conversazione a due che può solamente rapportarsi in una ottica algebrica, militare, inquisitoria?
Il maestro segue l'allievo, l'allievo è seguito dal maestro, chi conduce dunque?
La conduzione e la trasmissione sono questioni essenziali, anche e innanzitutto per la psicanalisi.
Una conversazione per essere efficace occorre sia interlocutoria, chi è dunque l'interlocutore?

L'ESERCIZIO, L'ALLENAMENTO, LA DANZA
Occorre intendere gli eserciti come associazioni che non demordono, che non cedono, che combattono senza rappresentare, senza aggirare, senza togliere, senza eliminare l'ostacolo.
Solo così l'esercizio di qualsiasi pratica giunge all'allenamento, alla lena per proseguire.
Solo così quindi è possibile approdare alla danza, all'imperfezione del gesto impadroneggiabile che prosegue, che non termina.


17/06/2017

dalle 15 alle 19
4 h

ELISA POLI


Genosociogramma con presentazione del libro di Elisa Poli "Senza parola né padri"

Il Genosociogramma è un indagine peculiare ad indirizzo psicoanalitico del soggetto inconscio in relazione alla molteplicità di altri soggetti che sono ereditariamente interiorizzati nella psiche personale. Si articola nelle rappresentazioni di legami e relazioni collettive sotto la forma grafica di un albero genealogico ma non solo.....é un work in progress di interrogativi, di indagini sulle interiorizzazioni inconsce, dei propri avi che possono influenzare la nostra vita e il nostro comportamento.
Inoltre è una nuova modalità di interpretare le dinamiche famigliari, un nuovo vissuto a partire dagli avi fino ai discendenti includendo le varie fasi di sviluppo del soggetto.


INCONTRO ANNULLATO

LUGLIO 2017

01/07/2017

dalle 15 alle 19
4 h

MARIO MATTIODA

CINEMA/BALLETTO E PSICANALISI -VISIONE ED ANALISI DI UN FILM E DI UN BALLETTO

Titolo: Interpretazione psicoanalitica di immagini e situazioni

Proiezione film "Ti Guardo" di Lorenzo Vigas (durata 94 minuti)

Proiezione balletto "Petite Mort" di Jiri Kylian (durata 17 minuti)

Gli allievi, che non saranno informati anticipatamente sul programma della lezione, dovranno:

1. interpretare estemporaneamente film e balletto, traducendo in termini psicoanalitici elementi presenti nella trama, nelle immagini, nel linguaggio del corpo, ecc